Venerdì, 12 February 2016 16:29

Romeo e Giulietta

Scritto da

Romeo e Giulietta è, insieme all'Amleto, la più rappresentata delle tragedie shakespeariane, e la prima, probabilmente, ad essere rappresentata fuori dai confini del Regno Unito, nel 1604 in una città della Baviera (Germania).

Il Globe, vero teatro shakespeariano sarebbe stato costruito nel 1598 e la compagnia di fiducia del Bardo, la Lord Chamberlain’s Men (servi del Lord Ciambellano), mise in scena la tragedia (1597) con probabilità al The Curtain  teatro londinese a quel tempo molto in voga nel sobborgo di Shoreditch, una zona anarchica, selvaggia, ma anche incredibilmente gioiosa. All’epoca, gli spettacoli erano annunciati da una didascalia posta all’ingresso del teatro accompagnata da uno stendardo: nero per le tragedie, bianco per le commedie e rosso per le rappresentazioni storiche. 

 La trama di Romeo e Giulietta non era una novità perché l’autore si era ispirato a The tragicall history of Romeus and Juliet di Arthur Brooke del 1562, libera parafrasi della versione francese della novella di due giovani amanti di Verona dell'italiano Matteo Bandello che, a sua volta si era ispirato alla novella di Luigi da Porto. Shakespeare era alla sua prima tragedia e la tragedia non era ancora il suo forte. Gli attori erano piuttosto avanti negli anni per recitare nella parte di giovinetti (non dimentichiamo che i protagonisti della tragedia hanno rispettivamente sedici anni, Romeo, non ancora quattordici Giulietta, peraltro delle età insolite per il matrimonio perfino in epoca elisabettiana) e nel prologo, inoltre, l'autore anticipava quella che sarebbe stata la sorte dei due sfortunati amanti. Eppure con Romeo e Giulietta, Shakespeare superò il suo banco di prova come tragediografo e, come scrive Harold Blomm in Shakespeare l’invenzione dell’umano, “imparò a non avere rimorsi e spianò a se stesso la strada per le sue cinque grandi tragedie a partire dall'Amleto del 1600-1601”. Inoltre, dopo la rappresentazione di  Romeo e Giulietta, "l’amore tra una ragazza e un ragazzo non fu più lo stesso".

La trama è arci-nota: Romeo e Giulietta appartengono rispettivamente a due nobili famiglie, Montecchi e Capuleti, che in quel di Verona vivono come acerrime rivali. Giulietta durante un ballo s’innamora a prima vista, con ardore, del giovane Romeo che ricambia il suo sentimento e le propone di sposarlo in segreto. Il giorno del matrimonio, però, Romeo è coinvolto in una rissa in cui perde la vita il suo amico Mercuzio per mano di Tebaldo, cugino di Giulietta. Romeo furibondo uccide a sua volta Tebaldo, e risparmiato alla pena di morte, è esiliato. Intanto la mano di Giulietta, per volere di suo padre, è concessa al conte Paride, ma un intruglio preparato da Frate Lorenzo, lo stesso che ha celebrato le nozze segrete tra i due giovani, la fa credere morta per quarantadue ore. Il frate ordina a un suo confratello di recarsi a Mantova da Romeo per informarlo dell’inganno e ordinargli di recarsi al sepolcro di Giulietta ad attendere il risveglio dell’amata.  Romeo riceve, però, sola la visita di Baldassarre, suo servo, che gli annuncia la morte di Giulietta. Ha soltanto un rapido pensiero: procurarsi del veleno e ritornare a Verona per morire accanto a lei. Durante questo lasso di tempo, fra Lorenzo apprende che un intoppo ha impedito al suo messaggero di informare Romeo del suo stratagemma. Decide di recarsi alla tomba del Capuleti per liberare Giulietta. Ma il dramma precipita...

"Nell'ambito della produzione shakespeariana, Romeo e Giulietta è un’opera sottovalutata dai critici forse a motivo della sua enorme popolarità. Con qualche modifica, Shakespeare avrebbe potuto trasformarla in un dramma allegro quanto Sogno di una notte di mezz’estate, composta nello stesso periodo"(Bloom).  Se i due amanti fossero fuggiti insieme a Mantova, o comunque lontani da Verona, forse il loro destino sarebbe stato diverso. Invece il loro amore impulsivo, violento, estatico, possente, prepotente, oserei dire,  al punto da sostituire altri valori, lealtà, emozioni, famiglie (“nega tuo padre, rifiuta il tuo nome”) e amici, li catapulta contro il mondo e, ahimè, anche contro se stessi, cosicché, i due giovani sposi muoiono per amore anziché vivere per arguzia. 

La loro morte però non è da attribuire solo alla traiettoria delle stelle, al destino, (“Un potere spesso attribuito al movimento delle stelle”) come il Prologo parrebbe suggerire.

"Nell'ambito della letteratura mondiale, infatti, Romeo e Giulietta è la visione di un amore che muore del proprio idealismo e della propria intensità" (Bloom). Nell'atmosfera iper-sessuata che aleggia  nel dramma al punto che tutto diventa o rischia di diventare una barzelletta sconcia, l'amore tra i due protagonisti è un legame emotivo condiviso così profondo che essi sono disposti a sacrificare le loro vite in sua difesa, e a ricorrere alla morte per preservarlo. Questa tragica scelta finale, il doppio suicidio, regala sul palcoscenico un pathos assurdo, al punto che è lecito chiedersi in quanti  possano resistere alla sua potenza. 

Giulietta ama e lo fa con un’intensità, un sublime stato di innamoramento, che costringe Romeo, fino ad allora innamorato dell'idea di essere innamorato, (non dimentichiamo che fino a qualche battuta prima era perso d'amore per Rosalina) ad uno sforzo che è lecito definire addirittura eroico per cominciare a pensare all'amore in maniera non più superficiale, e a pronunciare, seguendo i pensieri e le parole dell'amata, le più belle e intense frasi d'amore mai scritte.  

Questa intensità sublime della giovinetta, che non è solo sessualità anche se l' afferma – “La mia generosità è come il mare e non ha confini”–, afferra lo spettatore e attraverso lei conduce fino all'epilogo della tragedia. Per consentire questa partecipazione però era necessario eliminare nel terzo atto Mercuzio, l'ironista sfacciato, il "più famigerato esibizionista della produzione shakespeariana". Mercuzio è arguto, allegro, coraggioso; è un ladro di scena, scurrile, spietato, litigioso, pericolosamente eloquente. La sua vivacità continua ad affascinare il pubblico, i lettori, i critici e i registi al pari della Nutrice di Giulietta (si legga a tal proposito su Mercuzio Italo Calvino e le sue Lezioni Americane).

Nel suo monologo sulla regina Mab, che tra le fate è la levatrice, suggerisce che tutti i desideri e i sogni sono fragili e privi di senso. Mercuzio non crede all'amore romantico, fuoco fatuo, e mai arriverebbe a morire per esso. Per lui l’amore è un nespolo e una pera ben appuntita: “ Adesso magari Romeo starà seduto sotto un nespolo ad augurarsi che la su amante sia uno di quei frutti che le ragazze, quando scherzano tra loro, chiamano proprio nespoli. Oh Romeo, se fosse...e tu fossi una pera ben appuntita?”. Come potrebbe Mercuzio comprendere il rapimento estatico di Giulietta? Come potrebbe comprenderlo la sua Nutrice per la quale l'amore è prevalentemente sessualità?

Mercuzio, in un dramma in cui amore e odio vengono spinti all'ennesima potenza, protegge lo spettatore dal "fatalismo erotico" dei due amanti. Ammonisce Romeo di sognare ad occhi aperti e di non vedere il pericolo che sta per incontrare. Mercuzio parla all'orecchio della razionalità. pertanto deve morire e muore per mano di Tebaldo, cugino di Giulietta, maledicendo Capuleti e Montecchi e attribuendo loro precise responsabilità. Da quel momento la tragedia precipita verso il tragico finale. Un gesto impulsivo di Romeo, l'uccisione di Tebaldo, mette in moto una serie di tragici eventi: l'esilio di Romeo per ristabilire la pace, l'affrettare di messer Capuleti il matrimonio tra Paride e Giulietta; l'incomprensione della Nutrice a cui Giulietta si rivolge per chiedere consiglio; la decisione di Giulietta suggerita da frate Lorenzo di simulare la morte...

Un canto all’alba, un canto stonato che come Giulietta stessa dice: “...apre a dissonanze e sgradevoli acuti”: così suggerisce Harold Bloom, più volte citato in questo testo, di considerare l’intero dramma. Romeo non può rinnegare di essere un Montecchi solo perché è Giulietta a chiederlo; a lui e alla sua amata, in conflitto con le aspettative familiari e sociali (ricordiamo che il matrimonio tra i nobili nel mondo di Giulietta e Romeo era raramente un atto d'amore) non resta che invocare la notte, sola tutela della loro intimità. Di notte i due giovani scoprono, attraverso la passione che lega l'una all'altro, la loro identità di individui separati dalle loro famiglie che lungi dall'essere luoghi di rifugio e sicurezza sono fonti di pericoli e di battaglie. Ma gli amanti non possono impedire che venga il giorno, né che l’alba si trasmuti in oscurità distruttiva, perché come lo stesso Romeo rileva: “Più e più luce è nel cielo, più e più buio è dentro di noi”.  

Amore-odio; sogno-realtà; giovanile irruenza- saggia maturità; intimità-famiglia; maschile-femminile; destino-libero arbitrio/conseguenze; eros-thanatos... molti sono i contrasti nei temi che s'intrecciano nel dramma di Giulietta e Romeo, un dramma in cui i valori dell'onore e della mascolinità provocano gran parte della tragedia, e in cui  le azioni dei due giovani amanti non sono meno folli e impulsive  di quelle degli adulti che avrebbero dovuto salvaguardarli. Tutta la tragedia riverbera di contrasti anche negli stati (buio-luce; gioia-lutto; balli-funerali) ed è proprio il rapido passaggio da uno stato all'altro a sottolinearne la potenza espressiva in un dramma molto rappresentato e forse per questo poco letto per rendersi conto che i contrasti sono già a partire dallo stesso linguaggio usato da Shakespeare che passa con facilità dal quotidiano al poetico. In una Verona sanguinaria, in cui  il Principi  la Chiesa riescono ad imporre l'ordine politico e spirituale, da una domenica mattina di luglio alla successiva notte del giovedì, si compie un rito sacrificale che innalza gli "sfortunati amanti" ad archetipi dell'amore tragico sicché "non vi fu mai alcuna storia più dolorosa di quella di Giulietta e del suo Romeo".

Diverse le trasposizioni cinematografiche. Di seguito da youtube un frammento del capolavoro di Franco Zeffirelli.

 

Ultima modifica il Domenica, 28 August 2016 10:55

Video

Altro in questa categoria: « Teatro Teatro »
Devi effettuare il login per inviare commenti

Accesso Utenti

Wikipedia

 

ElencoCategorie

FriendsBlog

VASI

IL BLOG DELLE MIO TEMPO

LIBERO LE MIE CREAZIONI

_________________________

 

INTRAPC

IL PORTALE INFORMARTICO

E DELLA CONDIVISIONE

_________________________

Archivio

« Dicembre 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.lagunadellesirene.com/home/modules/mod_fancy_tagcloud/types/k2/tags.php on line 68
shakespeareteatrometeoRiccardo IIIdeformitàyoutubeInghilterraSovranoReSocrateMaieuticaAteneFilosofiagiovaniricercaconoscenzamusicaJim MorrisonNietzscheApolloDionisomitofacebookpassioneSpagnaamoreliberoUccelliHitchcockPsycoBodega BaySan FranciscoHollywoodPsicanalisiMadrefiglioAnna BolenaElisabetta IEnrico VIIITudorsCaterina d'Aragonamatrimoniodivorzioscisma anglicanoVirgin QueenCarolly EricksonPedagogiaMaria la SanguinariaEdoardoInvincibile ArmadaRembrandtpitturaOlandaClaudio CivileCaliforniaincipitseduzioneParigiRimbaudVerlaineProustFlaubertBaudelairefestaguidaromanzo di formazionemetròeroscronacaSolo a Parigi e non altroveautoriCary GrantTony CurtisSeconda Guerra MondialeSottomarinoRosaVerniceDonneAutunnoIl popolo dell'autunno di Ray Bradburyletteratura contempraneacircogiostracaroselloinfanziaadolescenzaAlifarfallacorpodolorepadretraumaValentinaMarcos y MarcosPaolo NoriAnteprimelibrigioralismoVirginia WoolfMrs DallowayLondramodernitàSeptimusBig BenAdmiral ArchThe MallKnightsbridge di HarrodWestminster Abbey;Buckingham Palaceprima guerra mondialeXIX secoloRitzClarissadolore, meteo, psicologia, you tube, vita, esperienza, life, lutto, perdita,Galimberti, Freud,FolkPopTragediaIagoOtelloDesdemonaKenneth Branagharbitriomonologomanipolatoreletteratura ingleseletteraturameravigliastupirsidomandareGaarder Joestein Il mondo di SofiascuolaeducazioneVeneremitologiaVasariBotticelliZefiroMareConchiglieFloraArielLorenzo De MediciCiproLuceNascitaPeter PanJames Mattew BarrieKirriemuir,ScoziaWendyPeter Pan il bambino che non voleva crescere,Peter Pan nei giardini di KensingtonJohnny DeppNeverlandfbmentebambinoAliceWonderlandTim BurtonsognorealtàstregattoconigliobiancoreverendoCarrollspecchionon senseparadossosottosopralogicaviaggiosottosuoloyou tubegattopsicologiapozzoreginatazzasindromeconflittodisturbomentalepassionivitaTrailerCapitan UncinoHookL'Isolachenonc'èBarrieUncinococcodrilloStellamattinoBambiniSerdutiRumorepassiAlfredobambinaValentina D'AlredosognipremiLucarelliBottega FinzioniBolognaFondiEuropaManuela SalviScrittoriRagazziHolmesPoirotAgatha ChristieConan DoyleMiss MarpleDupinEAPoeDeduzioneabduzionematematicafilosofoartepadovaartistiemergentitalenticulturafumettodomenicanovembrePlatoneStatogovernareAccademiapoleiscrsigovernopoliticarockhardheavysynthappetitedestructionmusicGNRpatienceBariMargheritefamigliaesperienzaDostoevskijSan PietroburgozarfedeNotti biancheVeneziaFontankaPalazzo D'Inverno,Tradimentoambivalenzasenso di colpapsicologamaritocoppiapietroburgoMuseoPalazzo ducalecommerciopregiudiziodirittogelosiarabbiaassassinioossessionesessoCAOSECATOMMITImagiasospiripontePotterfilmbenemalemortemeretricicortigianelibertinaggioSherlockGandalfIl signore degli anellihobbitaduzioneinduzionecasodonnademenza senileapidirittifelicità vitaprosperareugualianzasfruttamentoviolenzapovertàBarcellonaSan ValentinoLas RamblasCatalognaFioriSan JordiSaporeProfumoErasmoGiornatastuprimatrimoniprecocimutilazionigenitalidegradourlouominidiscriminazioneadolescentipartoarancionesopprusoCinemaNatalecarceredetenuticenonedinosauriregistiMississippiTwainTom SaweyYALetteratura americanablogpoesiaromanticoinfinitoUngarettianimacasaversoDanteritmoparolasillogegiardinoAntoine de SaintExupéryaviatorePiccoloPrincipenovitàHarper LeeRazzismopregiudiziAttiucsScoutlibertàAgente 007 La morte può attendereBilly Elliot,OlimpiadinuclearereattoreLucascampbellForzaImperoJediSithDarth FenerSkywalkerObitecnologiamacchinafelicitàrealizzazionecentroenergia• Rossella O'Hara • Margareth Mitchell Gone with the wind Via col vento seduzione incipit Letteratura americana letteratura film youtubecantoscroogespiritofantasmabontàarpagoneavaroumiltàbibbialeggereLucianoZappellaDiodebolezzeamoriPietroStefaniarchetipicomandamentimondoecumenismonarcisismoselfiewebcambordellovittorianaDickensoscuroprostituzioneannonuovocalendegennaioritisimbolibagordibuoni propositipaceHitchock• Daphne du MaurierombraventozafonbarriogoticomedioevoDiavoloGasmann• deformità• gobbo• youtube• YorkRe •CaravaggioDavideGoliaGiovanni BattistadoppioSudTueloGracelandThe KingAmericaJohn LennonmalinconiaaereivoloTotoroCittàmaialiGiapponenaturaguerra atomicadisastrieroicoraggiofantasiaHisaishiorchestracolonna sonoraGhibliTakahataCharles PerraultfiabepopolareGrimmlupoinconscioBettelheimmoralemonitoPerraultcrescitacontaminazioniAngelina JolieRapunzelMaleficentHansel GretelarcheologiaEgittofaraoninarrativaletteratura franceseORIENTEletteratura turcaGazaTre60Ponte delle GrazieNord EdizionighettoRomadeportazionethrillerautori italianiLonganesiesordientiCarollAlice in wonderlandPaesemeravigliecompromessonazisti sarta Dachau ago filo meteoclima germania belgio stoffaguerra Hitler Eva BraunVeronaluoghiGiuliettaviniricettefreudfascismoresistenzamussoliniNovecentofascistacantautori italianisterminioNomadiBob DylanAuschwtzlagernazismoOlocaustoShoahGuerra mondialeCumberbachcomputergenioHitlervolontà di potenzaSuperuomoReichChurchillvolkNormandiamemoriasilenzioElisa Springercampi di concentramentoebreiTotòlegionaridesertoAtlandineSaharaMaroccoAfricasolepauraguerraLegione StranieramilitaridovereItaliaFranciaTemplariGerusalemmeSanto SepolcroCavalieriSanto GraalTempioBernardo di ChiaravalleGesùMaddalenaTeMentaStelleLegionarioViaggiCaloretritonemiseriaSteampunkfantasy sottogeneremodaPanic!At The DiscoaccessoriingranaggioroEmperor's New ClothesThis Is GospelThe Ballad Of Mona LisaBrendon UrieDeath of a BachelorPaul di FilippoHayao MiyazakiromanzoCasa editrice NordhappycommissariogialloGeorge HarrisonThe BeatlesFrank Sinatrarock and rollYesterdayInês Pérez de Castro e Dom PedroPortogallofavolaSanta Maria de AlcobaçaVenetoRomeogenitorifigliSimposioBelloZeffirelliFirenzeVanigliaroseProvenzanebbiafumoRomeo e GiuliettaidentitàinnamoramentoormoniShakespeare400ShakespearelivesPlayYourPartestatefaidaCapuletiMontecchiRinascimentoProfumisaporisensiMarsigliaLavandaColoriPetrarcaGrasseEssenzestoriacardmartireromanticismoTiberioBaciAnelloSigilloschiavalupanarioTendaVicoliAngelaMassimoArenaGladiatoriBigheCorseThanatossessualitàtabooistintodistubopersonalitasentimentisessuologiapsicheprocessoemancipazioneLady ChatterleyLawrencetabùadulterioerotismoincestotedescastampapdfProibitofratellosorellaEgon SchieleThanatoAustriaViennaSecessioneKlimteroticoDavid ThomasSciasciaMiss Jane MarplebelgaDavid SuchetNew YorkomicidifotografiaFelligcrimeignotoArtemisiastuprovirtùDavid HennessydagosmafiaMano Nera'ndranghetacamorraemigrazioneNuovo MondoitalianiemarginazioneagrumimercatoclanMatrangaProvenzanoKurt Cobainleaderrock alternativoNoirfantasmivertiginedepressioneJames StewartKim NovakSaponeDelittoSodaSoda causticaEmiliaCampaniaTerremotoPersonailtàFolliaCartolineCronaca neraChiromanteManicomioCriminaleBette DavisVecchiaiaJoan CrawfordhorrorEdward Mani di ForbiceLa sposa cadavereNightmare before ChristmasMunchOsloimpressionismoastrattismoespressionismoangosciaWarholpunkRolling Stonesworldpazzobandanni '80Elvis PresleyordineLiebnizcosmogoniaClaude LéviStraussMatt DamonJude LawMacbethHighsmithmoralitàdecadenzaamantirivalitàfateartigianiBottomOberon TitaniaPuckTeseoVerdiùFalstaffCamilleriFalstaffBronteVendettaJane EyreHeathcliffMotelnecrofiuliaRussiaBelyjMachiavelliRiccadro IIIpotereHouse of cardsTom RipleyBorgiaLeonardoSALECHIESAONDESPERANZAArabiapatriarcatocambiamentoMIELEDOLCIZUCCHEROFARINAMELEPANEISOLASARDEGNATITANOAROMIINGREDIENTIPOLIZIADOVERCIVICAFUOCHIECOMAFIERIFIUTIRADIOATTIVIFANGODOCUMENTIREGIONELINFOMAAutorescrittoreintervistaesordioBrasilevolontariatoscarabocchiprosamaternitàdisillusioneingannonudi#magia ##mare#profumo#sogno#ricette#vaniglia#anice#donne#sardegna#amore#sale#convento#titano#isola#mamma#meteoLetteratura russaepilessiaalcolismogiocatoreHarmitageprimaveradaciaDominuscodicepapaTom Foxsacraramsesnuove usciteprofeziaoliviero FerrarismanipolazionebiciclettafemminismoconvenzionisufraggetteabbigliamentoipocrisiaSalingerinnocenzaEmingwaynevemisterochiantivinovolpevillasienainglesehumorAmletoDanimarcapazziaschizofreniaLaingannegamentocuorecarabinierimissionesequestribiografiacomandantelivornotuscaniaparacadutistirondinegelsosiciliaanonimatomoglieaddestramenteoallenamentigisBeatlessolitudineElias S Amorenuoveusciteil testamento del conte InverardiEdgar Allan PoeborghesiaintellettualefollacieloflanerìegoBuddhaindiaanimazionestudio Ghibliindipendenzacriminalità organizzataterritorioecomafiastudiodiritttilapsusspieKingsuspanceMelinda Millerstoria d'amoresculturaRaffaellomarmoSistinamacaronsloveGendermangaLady OscarRivoluzione francesemisteryAgathe Christiefotosexyselfiiemaniapornografialetteraura franceseCinaLa compagnia dell'anelloTerra di mezzoTolkienLiverpoollibro tibetano dei mortiLSDconsumismoambizioneAristoteleKenyaMasaimal d'Africastorie di vita veraitinerariSalemstreghedemonioSatana1692Cornovagliasrte plein airpaesaggirealismoMelvilleMoby Dickbalena biancatrenoformazioneoggettidomandeabruzzoorsooggetti smarritibambolegenesioccidenteelementiconigliDistrict LakeInfernoDan BrownAngeli e DemoniIl codice Da Vincibene e maleIstanbulindizinobelanni '60genereGrace KellymusiatombanatiuraecologiaMiyazakiluttoperiferiaperditasuicidio#iperbole#nave#orecchie#capitano#nuoto#zia#parabole#tuffo#fiori#garzanti#gemelli#rosa#nonna#toscana#volterra#londra#amsterdam#flower#chelsea#giardinietà vittorianaDivoNotoriousaereosenryuhaikudionisiacotragicostragepiazzaFontanaMilanoanarchiciValpredaPinelliJungGuernicaPicassoWilliam ShakespeareOmicidiosoprannaturaleimmaginazionegooglefratelliscienzaKaramazovdubbioabitiragazze segreti di kabulJenny NordbergMarquezmeravigliosoallegoriabugie

Strict Standards: Non-static method OfflajnValueParser::parse() should not be called statically in /web/htdocs/www.lagunadellesirene.com/home/modules/mod_fancy_tagcloud/mod_fancy_tagcloud.php on line 171


Copyright © 2015. Intrapc.net